venerdì 24 settembre 2010

Torta Caprese - Una bontà riscoperta.


Torno con il mio angolo delle ricette.
La torta Caprese è un dolce tipico della Campania, è fatta di sola farina di mandorle con l'aggiunta di cacao, l'ho mangiata per la prima volta a Sorrento tantissimi anni fa,così due settimane fa, spulciando tutto il blog di Misya ho visto che anche lei la aveva tra le ricette:
Il procedimento è molto simile,io ho cambiato solo qualche grammo qua e la e mi sono fatta aiutare dallo sbattitore elettrico, ah e a differenza della ricetta che avevo trovato,ho deciso di lavorare separatamente i tuorli con gli albumi :P
Vi servono:

-250gr Mandorle pelate tritate finemente
-150gr Cioccolato Fondente
-200gr burro
-50gr Cacao in Polvere
-5 uova
-250gr Zucchero

Procedimento:

In una pentola dal fondo spesso, fate sciogliere il cioccolato fondente con il burro a bagnomaria.

Separare i tuorli dagli albumi:
Montare i tuorli con lo zucchero e successivamente aggiungere gli albumi montati precedentemente a neve.
Mescolate il composto e aggiungetevi il burro con il cioccolato fuso e il cacao in polvere.
Amalgamate bene il composto e solo alla fine aggiungere le mandorle tritate.
Versate il composto in una tortiera apribile da 26cm e fate cuocere a 150° per 50minuti/ 1 ora
Verificare la cottura facendo la prova dello stuzzicadente, se ne esce pulito e asciutto la caprese è pronta. Lasciar raffreddare la torta caprese prima di capovolgerla sul piatto da portata e solo quando sarà fredda spolverizzarla con lo zucchero a velo (se mettete lo zucchero a velo quando la caprese è ancora calda, lo zucchero con il calore si addensa e diventa di un color giallino).

^^La torta è riuscitissima e golosissima^^

martedì 21 settembre 2010

La solitudine condivisa da due anime tristi.

Arrivo solo adesso a leggere questo libro che nel 2008 con il suo Premio Strega ha incuriosito tutti. Con l'aggravante che una mia amica me ne aveva parlato anche un pò angosciata: Mi definisco pigra,molto pigra nel leggere,così posso dire in tutta tranquillità che il film presentato a Venezia ha scatenato mia sorella alla corsa pazza verso la biblioteca del paese; e così eccomi qui a leggerlo in 3-4 giorni (anche perché volevo evitare che qualcuno di corsa mi portasse a vederlo, e con le trasposizioni non si sa mai come va a finire...).La storia è molto lineare,non ci sono particolari nodi negli avvenimenti,certo, eccetto i salti nel tempo che l'autore ci fa fare nel raccontare le vicende drammatiche che porteranno Alice e Mattia a incontrarsi e a legarsi in un doppio filo d'acciaio,tagliente e freddo.L'amicizia che porta i due protagonisti a unirsi non ha nulla dell'incredibile,è fatta di silenzi rotti dalla tristezza di un' Alice inascoltata e la voce di Mattia che forse è troppo bassa per essere sentita da tutti, forse dalla sua stessa esistenza.Nonostante tutto un flebile filo li lega negli anni,le scelte di ognuno comunque non sono mai totalmente indipendenti dal pensiero dell'altro/a. Alice e Mattia sono due numeri primi vicini ma che non riescono,loro malgrado, a sfiorarsi, sono vicini ma distanti nei modo di esprimere le loro sofferenze.La metafora è comprensibile quanto drammatica e incapace di regalarci un lieto fine...

Il libro è molto scorrevole,nonostante la drammaticità degli eventi trattati. Non sono convinta in un buon prodotto su pellicola, penso che potrebbero risultare noiosi/non facilmente digeribili quei dialoghi mancati, quelle analisi introspettive che contraddistinguono soprattutto Mattia.Insomma vedremo un pò(intanto maledico sempre di più il fatto che per una svista di data è scaduta la mia card cinema 3 >_< ). To be Continued.



giovedì 16 settembre 2010

Shreck- The Final Chapter...Menomale!

Oh beh, magari sono stata un po cattivella nel dire "Menomale",però nulla toglie il mio malcontento,non assoluto eh, su questo film. L'unica vera novità,se così si può dire, è il 3D per la saga brutta verde e cattiva dell'orco Shreck.Poi per il resto tutto ciò che abbiamo visto nei film precedenti ci viene riproposto:Pinocchio,Gatto, il simpaticissimo ciuchino,e le loro vite che si intrecciano ogni giorno, in un turbine di quotidianità trita e ritrita che farebbe cadere in depressione anche un orco "chenonfapauranessuno" .E come un post 40enne che vive solo di famiglia e lavoro (si certo essere disturbato in bagno da un branco assatanato di turisti sul bus scoperto è un lavoro!!!!)si sogna di evadere da quella realtà,magari tornando ai beati e innocenti periodi da single.L'unica cosa da non fare e fare affari con il delinquente di zona che venderebbe anche la madre pur di arrivare al suo scopo.Ma se malaugurosamente questo accada,occorre anche leggere meticolosamente le clausole del contratto!!!!!Se non succede, vi ritroverete come il nostro amico orco a dover tornare indietro nel tempo e vivere tutto ciò che non è mai stato vissuto,basta omettere qualche giorno importante per la vostra vita.Battute divertentissime a parte e personaggi copiati da fiabe qua e la (quest'anno abbiamo anche le streghe dell'est e dell'ovest...Doroty docet)Shreck ripropone lo stesso schema già visto nelle precedenti edizioni. La storia della maledizione di Fiona,l'incantesimo spezzato,l'orco che prima fa paura e poi diventa l'attrazione divertente di zona,era qualcosa che poteva già benissimo essere concluso;Ma si sa le fiabe devono avere un Happy Ending a tutti i costi e anche la dreamworks cade nel buonismo disneyano si sa, non si poteva mica lasciare una Fiona delle amazzoni e uno shreck senza Fiona, anzi (ndr) senza corpo...
Qundi vabbè, si vede con molto piacere,ma siamo ben lontani dalle grosse risate del 2° Capitolo che per me rimane il migliore.
Ma nonostante tutto...E Vissero felici e contenti!!!

martedì 14 settembre 2010

Si riparte da qui...

1,2,3 Prova... Beh tecnicamente questa è una prova "costume"
Torno a scrivere dopo 2 anni e un tot di mesi...Vediamo come ci si sente a trovare solo uno schermo davanti e una serie di cose da dire.Oh di cose da dire ne ho! E talvolta sento anche la mancanza di esprimermi. Ma si perché la vita di tutti i giorni è così frenetica che una delle volte non ha manco il tempo di pensare quello che ha dentro la testa,che una giornata è appena volata via. Troppe cose ti affollano la testa: Un libro,Un film da vedere con amici,una giornata passata insieme al tuo amore, una foto non scattata, una torta ben riuscita...
Proverò a fare tutto questo...
Stay Tuned!!!!!!