sabato 7 settembre 2013

Valencia è Paella.

Vado, torno e riparto. In questo 2013 più spagnolo che italiano usi e costumi di un popolo apparentato con il Bel Paese.
Dopo un'esperienza europea di 3 mesi a Siviglia, riparto verso la comunità Valenziana ad occuparmi di bambini in quel di Betxì un paesino di 5000 abitanti situato nella città di Castellon de la Plana.
In questa nuova avventura ho vissuto in un vero e proprio resort vacanze(chiamiamolo così dai :p ) ville a schiera di proprietà familiare con giardino, piscina, bimbi pannolini e tanta ma tanta paella.
 Un sentito grazie prima di tutto va a Vueling  che rappresenta il vero low cost spagnolo per noi siciliani che vogliamo affrontare un volo verso la penisola iberica: economico, veloce ed efficiente; diciamo anche una compagnia aerea molto più simpatica rispetto alla cugina RyanAir, per bagagli a mano & Co.
Il secondo grazie va alla compagnia di autobus Alsa che in 4 ore mi ha permesso di percorrere dal Prat di Barcellona a Castellon una parte di Spagna in notturna e in sintonia con orari aerei e senza noiose attese.
L'alloggio era a cinque stelle, un "cuarto" con letto a una piazza e mezzo, vasca idromassaggio, bagno e doccia. Cucina e cibo mi erano gentilmente offerti dalle famiglie.
La mia vera esperienza, vacanze a parte, è stato vivere il quotidiano con dei bambini di età diversa tuffarmi in questo loro mondo incosciente privo di esperienza e dove tutto non è scontato o disatteso.
Nel mondo di un bimbo non esistono divieti, esiste solo IO e sono sempre Io a decidere se e quando giocare con te. Cambiare un pannolino, giocare a palla in piscina o montare o smontare un passeggino sono situazioni che non hanno più segreti e benchè meno in un'altra lingua. Insomma robe di tutto rispetto.
Possiamo pure tralasciare Betxi, che è una piccola realtà e non vi parlerò volutamente del suo toro embolado eccezion fatta per le numerose piste ciclabili che collegano i diversi paesi attorno a esso: ad esempio c'è un cammino ciclabile per VillaVela, o uno che ti porta diretto a Castellon perdendoti poi per strade verdi che tagliano campi enormi di aranceti. E un cammino verso VillaReal che consiglio.
Ma la vera scoperta di questa esperienza sono state la Paella e la Fideua.
La Paella NON è un piatto di riso e pesce, ma è cucinato con pollo e coniglio;
La Paella NON si ordina alla rosticceria di fiducia, non si mangia al ristorante;
La Paella E' tradizione di famiglia, ognuna la prepara come crede ma dietro un paellon da più di 20 persone si celano segreti storici che neanche il Sacro Gral conserva;
Eebbene io ho avuto la fortuna di assistere e cucinare direttamente durante una di queste giornate epiche di riunioni familiari, ho carpito l'arte di aggiungere le "interiora" solo ad un certo punto della cottura, ho contato quante verdure fresche occorrono tale da renderla un piatto abbastanza costoso, e poi il riso posto al centro del paellon e poi sparso lentamente e attentamente lungo la padella.
La Fideua invece contiene pesce, se la vedessi in un qualsiasi supermercato d'Italia probabilmente ti faresti una grassa risata mettendola al cospetto di spaghetti maccheroni o pennette, ma cucinata come a Valencia ti lecchi tranquillamente le dita.
La Fideua Gallo o Fideo (che è il formato più sottile) va cucinata nello stesso paellon dove la sera prima hai esaltato i palati di tutti con la Paella, va cotta quindi con il gas e non con la piastra elettrica insieme a una quantità inquantificabile di seppie, cozze, gamberi e gamberetti e ovviamente l'immancabile tomate rallado.
Il pomodoro grattugiatoè una di quelle tecniche che mi vanto di aver appreso fuori dal mio Paese, ingloba a sè comodità e velocità d'utilizzo. 
Per adesso da Valencia e dintorni è davvero tutto, però se passi per le sue strade e i suoi bellissimi giardini ricordati due cose:
1) Fatti adottare da qualche famiglia in modo da apprendere delle due l'una
2) Orxata oppure Horchata e farton(che in Valenziano significa  una persona che mangia troppo) da provare ASSOLUTAMENTE presso la Horchateria di Santa Catalina.

Adeu ^_^



Nessun commento:

Posta un commento